Il dialogo infinito

Fare scienza è dialogare, dialogare con il mondo che ci circonda. Per poter instaurare un rapporto con la realtà ci serve un linguaggio, quello matematico, un metodo, quello scientifico, e un atteggiamento, quello dell'uomo che, osservando la natura, si meraviglia e si pone domande.

Instaurare questo dialogo richiede un forte coinvolgimento (sia personale che collettivo) che viene ripagato con la consapevolezza del mondo che ci circonda, con la meraviglia che la bellezza ci suscita quando è compresa, e con il brivido delle nuove domande che la ricerca scientifica inevitabilmente pone. È, in ultima analisi, un dialogo con noi stessi, in quanto parte della natura dotata di ragione e autocoscienza.

Nell'incontro vengono affrontati gli aspetti principali del "fare scienza" esemplificando i concetti esposti con esempi tratti dall'astronomia e dalla cosmologia del XX secolo. Poesie e brani narrativi intervallano la relazione a sottolineare l'unità del pensiero umano pur nelle sue diverse espressioni.

 

Scheda

Presentazione di: Aniello Mennella

Letture e poesie: Mariarosa Franchini 

Durata: da 60 a 90 minuti

Materiale necessario: video proiettore, schermo, due microfoni e impianto audio per amplificare l'uscita audio di un PC portatile (PC fornito dal relatore)

 

Elenco rappresentazioni passate

  • 5 dicembre 2011 a Sondrio presso la UniTre
  • 16 novembre 2010 a Trieste presso l'Università degli Studi